Come scegliere un buon climatizzatore?

Come scegliere un buon climatizzatore?

Il caldo tentenna ad arrivare ma, sicuramente, è alle porte. E forse è giunto il momento di scegliere un buon climatizzatore per la casa. Ma come sceglierlo? Quali sono i parametri da valutare? Senza scendere troppo nei dettagli tecnici, vediamo come regolarsi, molto maccheronicamente, nella scelta di un climatizzatore e, finalmente, regolare la temperatura di casa sia in estate che in inverno, raggiungendo anche un risparmio considerevole! Già, perché la un climatizzatore non serve solo per regolare la temperatura, ma a ridurre l’umidità e a filtrare e purificare l’aria che respiriamo.

Per scegliere un buon climatizzatore i parametri da tenere in considerazione sono quattro: potenza, silenziosità, classe energetica e sistema di filtraggio.

La potenza
La potenza del climatizzatore deve essere direttamente proporzionale alla grandezza della stanza da climatizzare. Questo è il primo consiglio che ci sentiamo di darvi. Ma come regolarsi precisamente? Beh, il calcolo non è complesso: per scegliere il climatizzatore (o meglio, la sua potenza) è necessario tenere presente i metri quadri dell’ambiente e moltiplicare 340 per i metri quadrati della stanza. Per un locale di 12 metri bisognerà orientarsi per un climatizzatore di almeno 4.080 BTU/h.

Il sistema di filtraggio
Tutti i climatizzatori di oggi incorporano già un sistema di filtraggio per purificare l’aria: si tratta di filtri antipolline, antiodore e antibatterici. Quindi non c’è molto da dire. Solo che sono utilissimi soprattutto per chi ospita animali domestici e chi soffre di allergia.

La classe energetica
Il consiglio è scegliere climatizzatori di classe energetica pari almeno ad A+. Anche se sarebbe preferibile la A+++. Anche se il costo sarà più elevato, nel giro di poco tempo, il costo in più verrà ammortizzato dal risparmio energetico che si otterrà man mano.

Il grado di rumorosità
In commercio esistono climatizzatori rumorosi e silenziosi. Bisogna leggere attentamente l’etichetta e scegliere il climatizzatore in base alla destinazione. I climatizzatori più silenziosi, infatti, sono adatti alla camera da letto. Meno decibell (dB) ci sono, meglio è. Giusto per fare un esempio, 50 dB equivalgono al rumore di un vento leggero leggero.

***

Tutti i consigli che abbiamo riportato in questo post sono, naturalmente, approssimativi, visto che si deve tenere presente anche il numero delle finestre, lo stato degli infissi, dell’esposizione della camera, l’altezza del soffitto… Ecco perché, come al solito, vi raccomandiamo di rivolgervi a un esperto di efficienza energetica.